PROCESSI DI STABILIZZAZIONE

E' importante separare 2 processi di conservazione delle piante: Stabilizzazione e preservazione delle piante. La stabilizzazione avviene utilizzando piante vive. Questa tecnica permette alla pianta di conservare allo stato di freschezza dopo il raccolto. D' altro canto, la preservazione delle piante viene effettuata dalle piante essiccate. Questo processo reidrata la pianta. La stabilizzazione delle piante è la tecnica più affidabile nel tempo. E' anche più costoso perché è più rischioso.

STABILIZZAZIONE PER CAPILLARITÀ (FOGLIAME)

Questa è la tecnica di stabilizzazione originale. Il piede della pianta ancora fresca è immerso in 5 cm di soluzione di stabilizzazione. Questa soluzione è a base di glicerina vegetale, acqua, coloranti alimentari e sostanze nutritive. La glicerina aiuta a trattenere l'acqua all' interno della pianta e la colorazione degli alimenti dona il colore desiderato. I nutrienti sono utilizzati per nutrire la pianta durante il processo di stabilizzazione, che dura alcuni giorni. Dopo aver assorbito questa linfa sostitutiva, la pianta stabilizzata viene essiccata per 24 ore. Ogni specie vegetale ha le proprie specificità: la temperatura della soluzione di stabilizzazione, la durata dell' assorbimento, il periodo di raccolta o i nutrienti utilizzati sono tutti fattori che assicurano il successo della stabilizzazione per ogni specie. Questa tecnica, considerata la più nobile, permette di ottenere nuovi colori di fogliame, preservando il colore naturale dei rami e degli steli. Sono generalmente più spessi e non lasciano fluire i coloranti sulla superficie. La stabilizzazione per azione capillare è utilizzata anche per certi fiori come statice, il cui è stabilizzato semplicemente stabilizzando il fusto, essendo il fiore naturalmente asciutto.

STABILIZZAZIONE PER DOPPIA IMMERSIONE (FIORI)

Questa è la tecnica più comune per la stabilizzazione dei fiori. I fiori devono essere extra freschi per una stabilizzazione di successo. Ci sono alcune specie di fiori particolamente indicate per questo processo. Questa tecnica consiste in due fasi di immersione. La prima fase consiste nell' immergere il fiore per 24 ore in una soluzione alcolica pura. L'obiettivo è disidratare il fiore mantenendo la sua forma originale. Durante questo prima immersione perde anche il colore originale. La seconda soluzione di immersione è composta da alcool, glicole propilenico, glicerina e coloranti alimentari. Il glicole propilenico e la glicerina, sotto l' effetto catalitico dell' alcol, sono responsabili della reidratazione del fiore. I colori alimentari gli conferiscono il colore desiderato. Le teste dei fiori sono stabilizzate senza i loro steli poichè assumerebbero il colore del fiore.

PRESERVAZIONE PER IMMERSIONE (FIORI, MUSCHI, LICHENI)

Contrariamente alle tecniche di stabilizzazione, la preservazione per immersione viene effettuata su piante essiccate. Il processo consiste nell' immergere la pianta in una soluzione conservante a base di glicerina vegetale, acqua e colorante alimentare per reidratarla. Questa soluzione deve essere preventivamente riscaldata ad almeno 40°C. Il processo conferisce quindi una nuova flessibilità e il colore desiderato. Una volta usciti dal bagno, queste piante vengono pulite e asciugate. Il tempo di essiccazione può variare notevolmente da una specie all' altra, a seconda della natura più o meno spugnosa e/o porosità della pianta interessata. Questa tecnica, più economica e rischiosa, rimane meno affidabile nel tempo. La qualità di conservazione ottenuta con questo metodo non è paragonabile a quella ottenuta con le tecniche di stabilizzazione. Nel caso delle muschi, questa tecnica è l'unica affidabile e valida ma richiede tempi di essiccazione che possono aumentare sensibilmente i costi di produzione. Il lichene è immerso in soluzione salina. Questo ha il vantaggio di non essere infiammabile (a differenza della glicerina) e trattato naturalmente contro gli insetti. Tuttavia, asciuga sotto il 40% di umidità nell' aria. La stabilizzazione del lichen sale lo rende la pianta più affidabile di tutte le piante conservate.

PRESERVAZIONE A SPRUZZO (MUSCHIO)

Questa tecnica è essenzialmente identica alla preservazione per immersione. Viene utilizzata anche su un materiale vegetale secco e spesso piatto. Consiste nello spruzzare una soluzione conservante a base di glicerina vegetale, acqua e colorante alimentare direttamente sulla pianta per reidratarla in superficie. Ciò vale in particolare per muschi piani e sferici, per i quale questo processo è comunemente utilizzato. Il processo conferisce quindi una nuova flessibilità superficiale e il colore desiderato. Una volta prelevati dalla soluzione, le piante vengono essiccate. Il tempo di essiccazione in questo caso è minore rispetto a quello previsto per l'immersione totale. Questa tecnica è quindi ancora meno costosa e rischiosa della precedente, ma  conserva gli stessi problemi di affidabilità nel tempo. La qualità di conservazione ottenuta con questo metodo non è paragonabile a quella ottenuta con le tecniche di stabilizzazione.

TECNICHE MISTEE FUTURO

Alcune piante possono essere stabilizzate combinando diverse tecniche. Ad esempio, è possibile disidratare la pianta in un bagno alcolico e reidratarla in un bagno caldo di glicerina senza catalizzatore o glicole propilenico. Una pianta fresca può anche essere immersa in acqua, considerando che sarà ancora in grado di assorbire la glicerina per azione capillare nel bagno. Non è raro combinare la stabilizzazione capillare con l' immersione per rendere più duraturo il colore esterno. E' inoltre possibile garantire la resistenza della pianta stabilizzando con azione capillare e donando il colore per immersione. Si stanno sviluppando nuove e innovative tecniche di stabilizzazione. Alcune di queste, come l'uso di CO2 sotto pressione, offrono la possibilità di stabilizzare nuove specie. Soprattutto, riducono il tempo necessario per stabilizzare fiori e piante. La stabilizzazione vegetale è solo al suo esordio Le conoscenze e le tecniche in questo campo sono in continua evoluzione.